Gli elettrodomestici sono i nostri alleati nella pulizia della casa, ma dimentichiamo spesso di prendercene cura. Scopriamo insieme come l’igiene passa anche dalla pulizia e da una corretta manutenzione.

Una casa accogliente è innanzitutto una casa in cui ordine e pulizia regnano sovrani: per mantenere un corretto livello di pulizia, possiamo affidarci a elettrodomestici specifici per ogni tipo di impurità.

I maggiori nemici dell’igiene domestica sono polveri, batteri, allergeni e muffe, che si diffondono nell’aria, sui pavimenti, nel frigorifero. Per combatterli, gli elettrodomestici di ultimissima generazione sono stati dotati di sistemi innovativi che distruggono lo sporco e contrastano la diffusione dei germi.

Quali sono gli elettrodomestici di cui non possiamo fare a meno?

Aspirapolvere

Sia esso con o senza filo, munito di sacchetto oppure no, è il maggiore alleato nella cattura di polveri, sporco, peli e capelli da tutte le superfici (pavimenti, scale, tappeti…).  Affinché il suo utilizzo duri a lungo nel tempo, è consigliabile pulirlo con costanza svuotando il sacchetto oppure il contenitore apposito e rimuovendo i residui di sporco dal filtro e dalle spazzole.

Lavastoviglie

Lavare i piatti è una delle attività meno gradevoli. La lavastoviglie viene in nostro soccorso, garantendo una pulizia ottimale di piatti, stoviglie, bicchieri e pentole. Bisogna tuttavia prestare attenzione alla cura dell’elettrodomestico stesso: si raccomanda perciò di rimuovere residui di cibo, batteri e cattivi odori utilizzando prodotti appositivi oppure avviando un lavaggio ad alta temperatura dopo aver introdotto nel cestello superiore una tazza colma di aceto bianco.

Lavatrice

L’alleato del bucato non può che essere la lavatrice. Spesso tuttavia dimentichiamo di prendercene cura e il continuo contatto con panni sporchi la rende l’ambiente perfetto per il proliferare di germi e allergeni. Alle prime avvisaglie di cattivi odori, occorre intervenire tempestivamente e utilizzare prodotti appositi per la pulizia da calcare e sporco residuo. Nel caso in cui si preferiscano soluzioni casalinghe, si può optare per una mistura di bicarbonato di sodio e aceto: una volta versata nel cassettino del detersivo, basterà avviare l’elettrodomestico anche a basse temperature.

Frigorifero

Pareti e ripiani del frigorifero rischiano di essere contaminati da muffe e batteri, anche a causa dei cibi deteriorati. Per questo motivo, raccomandiamo una regolare pulizia dell’elettrodomestico e una particolare attenzione nella scelta del frigorifero stesso: esistono infatti in commercio refrigeratori con funzioni antibatteriche e tecnologie capaci di migliorare il ricircolo e la purificazione dell’aria.

Cappe aspiranti

L’ultimo consiglio non può che riguardare le cappe. Da sempre utilizzate per eliminare i cattivi odori dalle cucine, sono oggi dotate di meccanismi di purificazione e ionizzazione. È importante effettuare una manutenzione periodica, attraverso la pulizia della griglia e delle parti in acciaio (una volta al mese) e la sostituzione del filtro.

27 Visitatori