Il Microonde, a differenza di ciò che si pensa, non è utile solo a riscaldare o scongelare: oggi vi spiegheremo come sfruttarne al massimo le sue potenzialità e addirittura come cucinare con il forno a microonde!

Un’invenzione che ha segnato un notevole salto quella del microonde; nato nei lontani anni 50, ha reso la vita facile a moltissime persone: permette di scongelare e riscaldare, accorciando notevolmente i tempi di preparazione!

Ma sapete che il forno a microonde è utile anche per cucinare?

In questo articolo vi spieghiamo come far sì che il vostro forno a microonde diventi il vostro alleato!

Come funziona il microonde?

Un forno a microonde non scalda per induzione di calore. Le onde che propaga provocano una reazione negli alimenti che si muovono e collidono tra di loro, provocando calore generato dall’attrito. Per mezzo di questa reazione, l’acqua o ghiaccio nel caso del congelamento evapora oppure si scalda. Semplice no?

Come si usa il forno a microonde?

Adesso che vi abbiamo brevemente illustrato come è fatto un microonde, ecco a voi alcuni suggerimenti su come si utilizza.

Regola N.1: non azionate il microonde quando è vuoto. Il forno a microonde non necessita come il forno tradizionale di essere preriscaldato;

Regola N.2: non inserite nel microonde contenitori chiusi ermeticamente; surriscaldandosi potrebbero scoppiare.

Regola N.3: nel microonde non vanno inseriti contenitori in alluminio o altri metalli. Potete inserire invece vetri o porcellane senza decorazioni ed anche i contenitori di plastica che hanno l’apposito simbolo.

ATTENZIONE: se utilizzate la modalità grill, i contenitori di plastica non si possono utilizzare.

Cosa Cucinare e Cosa No?

Alcuni alimenti non possono essere inseriti nel microonde.

Spinaci e verdure a foglia verde

Il motivo per il quale si sconsiglia il microonde per gli spinaci e le verdure verdi è dato dalla concentrazione di nitrati in questi alimenti. Di per sé i nitrati sono innocui, ma è stato dimostrato che a contatto con le alte temperature del forno a microonde possono mutare prima in nitriti e poi in nitrosammine e queste ultime sono cancerogene.

Peperoncino

Anche il peperoncino non è adatto per il microonde per la sua buccia resistente. Le onde originate dal microonde scatenano una reazione chimica con la capsaicina, che rende il peperoncino più aggressivo sul palato e addirittura nocivo.

Uova

Le uova non si possono cucinare nel microonde, se bollite ancora col loro guscio e senza essere immerse nell’acqua. Risultato? Un’ esplosione!

Pollo

Come abbiamo detto, con il forno a microonde il calore viene emanato ad ondate. Siccome la cottura rende inoffensivi batteri come la salmonella e il Campylobacter che si possono trovare nella carne di pollo, è preferibile cucinarlo in un forno classico o in padella o a vapore perché i batteri si distruggono se si cuoce ad alte temperature e in modo uniforme. Cosa che il microonde non fa.

Altri alimenti

Oltre agli alimenti che vi abbiamo elencati sopra, ci sono altre accortezze su altri cibi da prendere in considerazione.

  • Frutta congelata: il calore del microonde fa perdere sapore e consistenza alla frutta. Anche per la frutta come per gli spinaci, si sconsiglia perché potrebbe causare la formazione di sostanze cancerogene.
  • Erbe aromatiche: se volete essiccarle velocemente, ricordate che se le lasciate nel forno a microonde troppo a lungo può finire per provocare un incendio!
  • Latte materno e omogeneizzati: per quanto scaldare sembra la soluzione più comoda, ricordate che anche se il biberon appare freddo al tatto, il latte all’interno può essere più caldo, rischiando così di ustionare la lingua e la gola del piccolo. Lo stesso vale anche per i vasetti di omogeneizzato.
  • Fritture: non usare l’apparecchio per fritture a bagno d’olio: è impossibile controllare la temperatura dell’olio!

E adesso cuciniamo con il microonde!

Ecco a voi alcune idee di ricette da preparare con il nostro forno!

  • Antipasti: specialmente quelli caldi a base di verdura, uova e formaggio che restano soffici e morbidi. Ricordate di togliere il guscio e niente spinaci!
  • Sughi e salse? Nessun problema! Ricordate solo di usare recipienti bassi e larghi, senza coperchio per favorire l’evaporazione;
  • Minestre asciutte a base di pasta e riso: il tempo di cottura delle è lo stesso di quella tradizionale. Ma con il microonde il gusto e l’integrità nutrizionale degli alimenti restano intatti. Per le minestre in brodo, usate meno liquido, perché l’evaporazione è inferiore nel forno a microonde.
  • Verdure: cuocetele in pochissima acqua, perché le microonde sfruttano l’acqua delle verdure. Il sale va aggiunto solo alla fine;
  • Carni (ricordate no al pollo!): il volume delle carne non diminuisce come nelle cotture tradizionali, potete mettere poco condimento o nessuno. Per renderle più morbide, copritele con appositi coperchi! Ma se sono congelate, ricordate che le carni devono essere completamente scongelate e ben asciugate.fE adesso, tutti in cucina con il vostro microonde!

84 Visitatori